19 agosto - Trasferimento a Rockhampton e Sarina Beach

Oggi giornata lunga e difficile. Con una complicazione e una piacevole sorpresa.
Si parte presto con colazione to go, ossia in viaggio. Peccato che le nostre prese elettriche non funzionano e quindi niente fettine tostate. C'è però l'occasione di bere un buon cappuccio in occasione della sosta dal benzinaio.
Ore 8:30 e si parte. Ci attendono circa 500 km per arrivare a Rockhampton, sapendo tra l'altro che questa sarà solo una meta di passaggio.
La complicazione della giornata arriva dopo esattamente 190 km, quando un sasso maldestro decide di proiettarsi a velocità ipergalattica contro il parabrezza del camper dei Bonos, scheggiandolo in maniera davvero impegnativa, tanto che dei frammentini di vetro sono volati anche all'interno. Una roba brutta, come si dice! Le crepe poi si allargano a vista d'occhio, rendendo difficile la prosecuzione del viaggio. Non ci resta quindi che fermarci, e fortuna vuole che siamo proprio a Sarina, una amena cittadina della costa del Queensland. Non solo, nella sfiga dell'evento la fortuna è doppia, perché troviamo il gentilissimo signor Sumo, un nome un mestiere ci sarebbe da dire, che non si occupa di lotte (almeno per quello che ne sappiamo!) ma guarda caso si occupa proprio di Auto Glass, e che si prende a cuore il problema del nostro screen.
Nel frattempo, dato che si è fatta l'ora di pranzo, ci fermiamo a mangiare le solite cibarie australiane e poi, sempre su consiglio del nostro signor Sumo, andiamo a fare un giro a Sarina Beach, che si trova ad una decina di km di distanza. Tanto oggi km più km meno manco ce ne accorgiamo!
Qui però arriva la sorpresa della giornata, perché troviamo una bellissima spiaggia di sabbia fine, piuttosto profonda per il ritirarsi della marea e larga almeno due km, nella quale non c'è letteralmente nessuno. Fantastica! Ci restiamo poco più di un'oretta, facendo una bellissima passeggiata. I bambini giocano e corrono mente Beatrice si fa un bel pisolino.
Torniamo dal nostro per le 15:15, e incredibile ma vero il camper è pronto con il suo luccicante screen nuovo di zecca. Onestamente nessuno di noi avrebbe scommesso che sarebbe stato possibile ripartire oggi stesso con il camper aggiustato.
Si riparte alle 17:30 esatte, mantenendo invariata la nostra meta, dove arriviamo che sono già le 19, quando è ormai buio da un po'. Il campeggio che avevamo scelto per fortuna ha posto, con tanto di ensuite site e di wi-fi, per cui siamo tutti contenti. Anche se davvero molto stanchi.
Nessuno ha voglia di preparare per la cena, per cui si va in un ristorante di fronte al campeggio, dove peraltro mangiamo anche abbastanza bene.